EDUCAZIONE TERAPEUTICA DEL DIABETE PRESSO LA SEDE AIAD DI RAGUSA - Ragusa Oggi

EDUCAZIONE TERAPEUTICA DEL DIABETE PRESSO LA SEDE AIAD DI RAGUSA


Condividi su:


EDUCAZIONE TERAPEUTICA DEL DIABETE  PRESSO LA SEDE AIAD DI RAGUSA
Sanità
25 maggio 2011 14:37

Organizzata dall’AIAD Onlus di Ragusa, in collaborazione con l’OSDI (Operatori Sanitari di Diabetologia Italiani), lo scorso lunedì presso la sede dell’Associazione Italiana per l’Assistenza ai Diabetici Onlus di Ragusa, si  è tenuto il primo appuntamento di “Educazione Terapeutica” rivolto agli associati per informarli sulle corrette modalità terapeutiche da seguire nel trattamento della patologia.

I lavori sono stati introdotti dalla Dott.ssa Gianna Miceli che, nel ringraziare i relatori, ha fornito qualche dato sulla diffusione del diabete in Italia e in Sicilia. Numeri che aumentano di anno in anno, con un costo per il servizio sanitario nazionale di un milione di Euro ogni ora, pari al 9 % delle risorse a disposizione per la sanità nel nostro paese. Più ci si sposta al meridione più il dato aumenta: se in Italia il 5% della popolazione è affetta da diabete, al sud ne soffrono otto abitanti su cento, con punte in Sicilia di quasi il nove per cento. Ma il costo maggiore non è rappresentato dalla malattia in sé, ma dall’insorgere delle sue complicanze che gravano attraverso i ricoveri, le cure e le prestazioni ambulatoriali.

Nell’ottica di scongiurare il presentarsi di complicanze legate alla malattia, l’Associazione Italiana per l’Assistenza ai Diabetici, ha invitato a relazionare il Dott. Raffaele Schembari, diabetologo del reparto di medicina dell’Azienda Ospedaliera di Ragusa, su come l’incidenza delle abitudini alimentari possa rappresentare un importante metodo del diabete: seguire una corretta dieta aiuta a prevenire le complicanze legate alla malattia. Con l’aiuto di slides il medico ha proceduto ad illustrare quali siano le varietà e le corrette quantità, oltre che la giusta frequenza, con cui bisogna impostare le abitudini alimentari per evitare appunto l’insorgere di complicanze. Un ruolo fondamentale è giocato anche dalla capacità di autocontrollo della malattia e corretti metodi di come controllare il decorso della propria patologia sono stati presentati dal caposala del reparto di   medicina presso l’Azienda Ospedaliera di Ragusa, nonché Presidente regionale dell’OSDI, Giovanni Di Mauro. Una circostanziata relazione sui metodi di monitoraggio del diabete attraverso la misurazione della glicemia, e la corretta archiviazione dei dati ad essa riferiti. Una condotta che aiuta non solo il paziente, ma anche il diabetologo che lo segue. All’autocontrollo si associa anche il trattamento della terapia insulinica: il giusto modo preparare e prepararsi all’iniezione, la rotazione dei siti dove si pratica la puntura e tutto ciò che è connesso a questa pratica sono stati illustrati dalla Signora Signora Falzone, infermiere professionale del reparto di medicina dell’Azienda Ospedaliera di Ragusa.

Un appuntamento a cui hanno partecipato molti associati, i quali hanno partecipato attivamente, rivolgendo domande e facendo osservazioni durante gli interventi dei relatori.

È il primo di una serie di appuntamenti informativi che l’AIAD vuole proporre ai propri iscritti, in linea con quella che è una delle caratteristiche fondanti dell’Associazione: informazione per prevenire, attraverso il corretto trattamento della malattia, le complicanze che potrebbero insorgere nel corso del tempo.


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria