Torna "Io non rischio", la campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile. Anche a Ragusa - Ragusa Oggi

Torna “Io non rischio”, la campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile. Anche a Ragusa


Condividi su:


Torna “Io non rischio”, la campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile. Anche a Ragusa
Attualità
10 ottobre 2018 13:16

Ottava edizione di “Io non rischio – Buone pratiche di protezione civile”. La campagna di comunicazione nazionale sui rischi naturali legati a terremoti, alluvioni e maremoti tornerà in circa 300 piazze italiane con 3.500 volontari nel weekend del 13 e 14 ottobre, in occasione della Giornata Internazionale ONU per la Riduzione dei Disastri. A Ragusa il gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile sarà presente sabato 13 ottobre a Ragusa Ibla in Piazza Della Repubblica(Archi)
La campagna “Io non rischio” è promossa dal Dipartimento di Protezione Civile con ANPAS-Associazione Nazionale delle Pubbliche Assistenze, INGV-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e ReLUIS-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. Partner scientifici sono, inoltre, ISPRA-Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, OGS-Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e IRPI-Istituto di Ricerca per la Protezione Idro-geologica.
L’elenco completo delle piazze italiane interessate dall’evento il prossimo 13 e 14 ottobre è disponibile sulla pagina web ufficiale della campagna, iononrischio.protezionecivile.it/io-non-rischio/dove-si-svolge/, dove è possibile trovare anche ulteriore materiale informativo.
Un’iniziativa interessante per promuovere la partecipazione dei cittadini fuori e dentro le piazze è inoltre prevista per giovedì 11 ottobre, dalle 11.00 alle 13.00, quando, nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’evento, i promotori della campagna daranno appuntamento per una mobilitazione virtuale su Twitter. L’idea è quella di supportare l’iniziativa via social attraverso un tweetstorm, ovvero un flusso simultaneo di tweet con gli hashtag ufficiali della manifestazione: *#iononrischio* e *#iononrischio2018*.


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria