Sequestrati ad una ditta di autotrasporti di Vittoria quasi 400 mila euro. Evadeva il fisco. - Ragusa Oggi

Sequestrati ad una ditta di autotrasporti di Vittoria quasi 400 mila euro. Evadeva il fisco.


Condividi su:


Sequestrati ad una ditta di autotrasporti di Vittoria  quasi 400 mila euro. Evadeva il fisco.
Cronaca
7 dicembre 2017

I finanzieri del Comando Provinciale di Ragusa, nell’ambito dei servizi finalizzati al contrasto dell’evasione fiscale, hanno eseguito un sequestro preventivo di somme di denaro pari a 365.000 euro nei confronti di una società di Vittoria operante nel settore dell’autotrasporto.

Il sequestro è scaturito da una complessa indagine fiscale condotta dagli investigatori del Nucleo di Polizia Tributaria di Ragusa, che ha consentito di smascherare il mancato versamento delle imposte dovute, nonché le contestuali indebite compensazioni di crediti d’imposta, in violazione della normativa fiscale.

L’attività ispettiva ha riguardato non solo il controllo delle scritture contabili dell’impresa, ma anche la disamina delle movimentazioni finanziarie relative ai cinque conti correnti bancari accesi presso quattro istituti di credito diversi ed intestati alla stessa ditta.

I finanzieri, nell’esecuzione del decreto emesso dal GIP di Ragusa, hanno sottoposto a sequestro somme e titoli per un valore complessivo pari a 365.000 euro, quale importo dovuto all’Erario, consentendo all’azienda di mantenere comunque l’operatività, anche a tutela dei lavoratori dipendenti.

Lo strumento del sequestro preventivo ha lo specifico scopo di sottrarre, alla disponibilità degli evasori, il profitto dell’attività illecita posta in essere e di aggredire qualsiasi elemento patrimoniale nella loro disponibilità, per il recupero delle imposte illecitamente sottratte e non versate allo Stato.

L’attività di servizio conclusa dalle Fiamme Gialle iblee testimonia l’importanza rivestita dall’analisi dei flussi finanziari con la quale possono essere concretamente individuati i capitali illeciti che creano nel mercato una pericolosa distorsione economica.


Condividi su:


Commenti