La politica che non va in vacanza


Condividi su:


La politica che non va in vacanza
Politica
17 luglio 2017

Manca qualche mese alle elezioni Regionali , il caldo africano di questi giorni mette in stand-by anche la campagna elettorale che non accennava comunque ad infuocarsi , mai tanti dubbi sui candidati hanno attanagliato i partiti come in questa tornata .

Nascono alleanze e correnti ,qualcuna estrapolata dalle vecchie grandi coalizioni e si affacciano al panorama locale anche gruppi recentemente costituiti ,come Energie per l’Italia di Stefano Parisi che qualcuno ha definito ,soggetto politico generato da manovre di palazzo , quello di Forza Italia per intenderci , ma che ha trovato nella secca smentita dell’Onorevole Ugo Grimaldi ,uno dei coordinatori siciliani Movimento , lo spunto per farci capire quale orientamento, intenda seguire nella nostra isola, L’Onorevole Parisi  ,ex uomo di punta del “Cavaliere” .

Energie per l‘Italia ,  organizzato su teoremi e proiezioni “forziste” con cui ha invece molto a che spartire, in primis la provenienza di molti aderenti  , si prepara al debutto elettorale siciliano , puntando al 12% che li vedrebbe collocati in un contenitore dalle larghe intese mettendo dentro ,dai moderati filo-centristi ai  reduci Alfaniani .

Tanti gli incontri programmatici ,che si sono tenuti tra Enna e Catania dove hanno partecipato molti nomi noti , veterani e giovani politici ,che vorrebbero approdare nell’ala liberale di un centrodestra moderato e mira ,comunque, a sostenere un uomo come Nello Musumeci ,che si appresta all’ennesima candidatura a Presidente della regione Siciliana ,che lo vedrebbe stavolta finalmente tra i favoriti  .

Ma l’estate è ancora nel vivo, con il ko della riforma Crocetta e con il si dell’ARS che riporterà in vita le province ,si voterà entro il 28 Febbraio 2018 per l’elezione diretta del presidente e del  consiglio degli enti intermedi , restituendo anche ai cittadini Iblei  la libertà di scegliere i propri rappresentanti; un ancora di salvataggio, per alcuni Sindaci dalle poltrone traballanti ,rincorsi dalla Corte dei Conti e da qualche volante della Guardia di Finanza , potrebbe indurre ad optare per il salto di qualità e candidarsi alle pseudo”provinciali” e poter finalmente o “forse” (n.d.R.) tirare un sospiro di sollievo .

Ma sullo slancio regionale il quadro rimane confuso ; le vecchie retroguardie Comuniste ormai allo spasimo psicologico ,vivono nel desiderio di far rinascere il partito , mentre le frange pseudo populiste di origine Forconiana  tentano persino di  deviare la propaganda elettorale sul tema immigratorio  ,cercando di tirare per la coda il cavallo di battaglia dei “Salviniani Vittoriesi” che al grido “siamo tutti contro” vorrebbero inglobare chi fino all’altro ieri si fotografava a braccetto con il Presidente Crocetta, che ricordiamo essere  tra i fautori dell’invasione ad oltranza  ,problematica sociale ed economica , che ha inesorabilmente  colpito anche la nostra provincia attivando decine e decine  di comunità e centri di accoglienza .

La grande novità potrebbe però arrivare dal nord Italia e precisamente dalla provincia di Mantova ,dove ha sede “Fasci Italiani del Lavoro “un partito il cui nome ha già infiammato gli animi dell’antifà nazionale e dei Grillini di sinistra che hanno presentato un ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale proprio per far invalidare l’elezione della consigliera Fiamma Negrini , che ha ottenuto il primo seggio comunale con un risultato eccezionale dell’11% di preferenze  nell’elezione comunale di Sermide e Felonica .

Il Coordinamento Nazionale dei “Fasci” sarà  in zona Sicula proprio martedì prossimo per un incontro top secret con le anime dell’estrema destra iblea ,l’intenzione sarebbe lanciare il partito su scala regionale ,ridando slancio e vigore a quelle tematiche ed  ideologie patriottiche e nazionaliste .

Sarà settembre a fare da apripista e dare conferma dei nomi che si vociferano come candidati da più parti ,dagli uscenti  Orazio Ragusa che pare abbia già deciso di ricandidarsi a Giorgio Assenza che potrebbe optare per la lista “Diventerà Bellissima “ di  Musumeci  lasciando all’Onorevole  Nino Minardo appena rientrato in Forza Italia.

Insomma molto da dire e da scrivere  e tanto “gossip”  da fare , sotto gli ombrelloni di questa calda tutto può essere ancora possibile!


Condividi su:


Commenti