Ho paura dei botti! - Ragusa Oggi

Ho paura dei botti!


Condividi su:


Ho paura dei botti!
Mi fido
14 agosto 2018 9:55

Caro amico a 2 zampe
Ti scrivo alla vigilia di una serie di appuntamenti notturni purtroppo non tanto felici per noi Pets. Inizierà per la festa che voi umani chiamate ferragosto una serie di scoppiettanti notti all’insegna di fuochi d’artificio e ‘botti’ di ogni tipo.
Potranno anche essere belli da vedere (…per voi) ma di certo non sono una bella esperienza per noi…ansia, paura, terrore vero e proprio ogni volta che sparate queste ‘luci tuonanti’. Il panico pervade ognuno di noi piccoli quadrupedi domestici non appena sentiamo il primo ‘botto’ che annuncia l’inizio di ogni discutibile festival del ‘terrore’.
Ma i tuoi simili (gli umani) non se lo pongono proprio il problema…e ogni anno i miei simili vivono interminabili notti ‘horror’.
So anche che scrivi da anni articoli per sensibilizzare l’opinione pubblica e le amministrazioni affinchè tutto ciò finisca…ma ahinoi senza successo. Ogni volta si attendono ordinanze sindacali con la speranza di leggervi un VERO divieto …ma l’unica cosa che irrimediabilmente vi si è trovato negli ultimi anni è solo una presunta regolamentazione mirata solo a sgravare chi norma da eventuali co-responsabilità nel caso di incidenti/incendi/altro.
Noi Pets ci chiediamo allora: non sarebbe ora di finirla?
So che mi vuoi bene e so che continuerai la campagna di sensibilizzazione sull’argomento, così come so che pubblicherai le norme comportamentali minime a scopo precauzionale.
Il tuo amico PER SEMPRE
FIDO

Ecco alcuni consigli (…nell’attesa che la nostra società faccia i necessari ‘passi’ verso un cammino di civiltà maggiore):
*Cosa fare con un cane che sta all’aperto:*
– sistemalo in un locale chiuso, conosciuto e sicuro mettendogli a disposizione il suo giaciglio e alcuni oggetti a lui familiari, ad esempio i suoi giochi preferiti, le ciotole e qualcosa da rosicchiare. Attento ad eliminare tutto ciò che potrebbe ferirlo nel caso tentasse comunque una fuga. – se il cane è legato, *slegalo* e sistemalo come nel caso precedente; ricordati che un cane legato, se terrorizzato, potrebbe ferirsi gravemente. – se vive in un box esterno, verifica che sia sufficientemente sicuro e che gli fornisca la giusta protezione, altrimenti sistemalo come nei casi precedenti. – se non puoi sistemarlo al chiuso, verifica l’integrità della recinzione e fai molta attenzione: se riuscisse ad uscire, potresti perderlo per sempre e non sarebbe un fatto così strano. – durante i botti, se ti è possibile, vai da lui e cerca di sdrammatizzare la situazione, eventualmente facendolo giocare; non devi proteggerlo o confortarlo e soprattutto non devi dar peso alle sue ansie. In questi casi è molto più efficace una vera e propria “*pratica dell’allegria* <www.dallapartedelcane.it/educazione/allegria.htm>” e ricordati di lasciare qualche boccone appetibile quando devi allontanarti. – un cane spaventato non mangerebbe mai ma, la presenza del cibo potrebbe rendere più familiare l’ambiente facendolo sentire, se mai fosse possibile, meno isolato.

*Cosa fare con un cane che resta a casa da solo:*
– lascia le luci accese – lascia le porte aperte – lascia almeno due stanze a disposizione – il suo giaciglio deve essere ben raggiungibile – non lasciare oggetti che lo possano ferire – inibisci i nascondigli troppo angusti, per evitare che si ferisca per entrarci – lascia liberi i soliti nascondigli – lascia a disposizione i suoi giochi e qualcosa da rosicchiare – lascia la ciotola dell’acqua (anche se, quando un cane è spaventato, non mangia e non beve) – a mezzanotte fai squillare il telefono, potrebbe distrarlo ed eventualmente calmarlo udendo un suono conosciuto e rassicurante

*Cosa fare quando il cane è a casa con te:*
– informa gli ospiti sugli atteggiamenti da tenere facendo presente che è molto meglio se rimangono assolutamente passivi lasciando a te il controllo della situazione – se ci sono bambini, istruiscili opportunamente: non devono correre o eccitarlo inutilmente, meglio se lo ignorano – lascia le porte aperte – il suo giaciglio deve essere sempre ben raggiungibile – inibisci i nascondigli troppo angusti, per evitare che si ferisca per entrarci – lascia liberi i suoi soliti nascondigli – se si nasconde, non cercare di tirarlo fuori con la forza: deve farlo di sua iniziativa. Al massimo raggiungilo e cerca di mantenere un comportamento che sia il più possibile rilassato e tranquillo – se vuoi farlo uscire, chiamalo come fai di solito: se non ubbidisce, significa che si sente più al sicuro dov’è, anche se lontano da te. In questo caso non insistere: uscirà di sua spontanea volontà quando non sarà più spaventato – non controllarlo: non deve pensare di essere al centro dell’attenzione e non deve credere che ciò che sta accadendo sia rivolto solo a lui – ad ogni botto, tieni un atteggiamento allegro rendendo piacevole il contesto – se dovesse urinare o defecare, non dare peso e pulisci: non devi in nessun modo farlo sentire in colpa – non costringerlo a stare accanto a te e lascialo spaziare: deve riuscire a crearsi una situazione rassicurante – se cerca il contatto, accettalo ma non favorirlo – non toccarlo all’improvviso, in particolare da dietro e, se proprio devi farlo, accertati che ti veda e che capisca le tue intenzioni – se abbaia, ulula o guaisce, distrailo – se tenta di mordere o di distruggere oggetti, distrailo – fai attenzione ai toni voce e non tenere radio o televisione con volume molto alto – fai molta attenzione nel momento in cui si stappano le bottiglie – attento ai balconi aperti: possono essere visti come disperate vie di fuga – cerca di sdrammatizzare la situazione, eventualmente facendolo giocare; non devi proteggerlo o confortarlo e soprattutto non devi dar peso alle sue ansie. In questi casi è molto più efficace una vera e propria “*pratica dell’allegria* <www.dallapartedelcane.it/educazione/allegria.htm>”
(I comportamenti descritti non sono e non vogliono essere delle regole da seguire rigidamente: sono semplici promemoria)
rubrica a cura di Ernesto Turlà dmv Clinica Veterinaria ETHOS dr.E.Criscione – dr.E.Turlà via Forlanini 86 Ragusa <maps.google.com/?q=via+Forlanini+86+Ragusa&entry=gmail&source=g> tel.0932.641231 www.clinicaveterinariaragusa.it


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria